Print
Category: Racconti e BG
Hits: 960

Ultima Notte a Cirith Ungol

“Quando Lei caccia, dà solo un piccolo colpo sul collo, e la sua vittima cade a terra come un pesce senza lisca, e allora Lei ci gioca come le pare e piace” disse Shagrat, il Capitano della Torre di Cirith Ungol, alla vista del corpo apparentemente esanime di Frodo, trovato all’uscita della galleria in cui Shelob viveva.

 

Portato il prigioniero all’interno della torre, al “sicuro” dalle grinfie di Gorbag e dei suoi Orchetti, il corpo di Frodo venne collocato nella stanza più alta, in quanto Shagrat non aveva fiducia nei suoi sottoposti, e non si fidava di nessun orchetto di Gorbag.

Durante l’inventario degli oggetti presi a Frodo, Gorbag fu da subito attratto da una strana camicia luccicante, la cotta di mithril donata a Frodo dallo zio Bilbo, e rapidamente se ne impossessò; accortosi del fatto, Shagrat intimò a Gorbag di consegnargli il bottino in quanto doveva esser dato a Lugbùrz, insieme a tutto il resto.

Con un rapido scatto Gorbag tentò di infilzare Shagrat che, con maestria, evitò il fendente e rispose al colpo facendo rotolare il corpo dell’orchetto giù dalla torre.

Questo scatenò la furia sia degli Orchetti che degli Uruk-hai che cominciarono a uccidersi a vicenda.

Gli Uruk-hai del Capitano della Torre erano in netto vantaggio, sia per numero che per maestria nel combattere; alcuni sottotenenti di Shagrat si fecero largo tra le orde di Orchetti a colpi di spada, finché non uscirono dalla torre per unirsi ai loro compagni nel cortile, dove la battaglia assunse i toni più violenti e crudeli. Qui erano riuniti quasi tutti i capitani della torre, tra i quali Muzgash, che a colpi di mazza uccise molti Orchetti, e con la frusta ne sfregiò molti altri.

Il silenzio piombò poi sulla torre di Cirith Ungol, il cortile era zeppo di Orchetti morti e delle loro teste e membra amputate e sfregiate dalla violenza della lotta appena conclusa.

Una voce brutale tuonò nell’aria improvvisamente. Shagrat, sopravvissuto alla battaglia, inseguì Krudz, ultimo capitano degli Orchetti al servizio di Gorbag a Cirith Ungol, e dopo averlo raggiunto, lo uccise con una brutalità caratteristica solo degli Uruk-hai: l’armatura cedette come se fosse fatta di foglie sotto i colpi della lama del Capitano della Torre e, dopo aver proferito un insieme di parole, grida ed insulti contro Shagrat, Krudz spirò e cadde morto, lasciando il fagotto con il prezioso bottino al suolo.

Mentre tutto ciò avveniva, un ombra,  strisciando lentamente, si avvicinò al fagotto lasciato da Krudz. Rapido come un serpente Shagrat si spostò, e voltandosi, gli infilò il pugnale nella gola. “Ti ho preso, Gorbag” gridò sadicamente “non sei ancora del tutto morto, vorrà dire che allora finirò il mio lavoro” detto ciò, con un balzo fu sul corpo del caduto calpestandolo e stritolandolo furiosamente, chinandosi di tanto in tanto per pugnalarlo o frustarlo. Quando finalmente fu soddisfatto alzò il capo lanciando un orribile e gorgogliante urlo di trionfo, poi si passò il pugnale sulle labbra leccando via il sangue, e infine, prese il fardello.

Shagrat, una volta radunati gli ultimi capitani rimasti, gli Uruk-hai, e gli Orchetti al suo comando, lasciò la torre di Cirith Ungol con il suo prezioso fardello, diretto a Barad-Dur. Nel tragitto caddero in un’imboscata tesa dai seguaci di Gorbag rimasti in vita, questi riuscirono ad uccidere alcuni orchi al servizio del leader Uruk-hai ma subito dopo raggiunsero il loro capitano con una morte violenta. I compagni morti erano stati vendicati. Shagrat ed i suoi ultimi capitani, Muzgash e Lagduf,  si diressero rapidi alle piane di Gorgoroth per Consegnare il prezioso fardello agli ufficiali dell’Oscuro Sire.

 

Cirith Ungol

Shagrat 110
Muzgash (Orco Schiavista) 60
Barad Dur

Lagduf (Capitano Orco) Scudo, Warg 55
9 Guardie Nere Di Barad Dur 108
3 Orco Del Morannon scudo 24
14 Orco Del Morannon Scudo e lancia 126
4 CavalcaWarg Scudo 52
13 Orco Battitore 65