Print
Category: Scenari ISDA
Hits: 3373

Un giorno di spade! Un giorno rosso, prima che sorga il sole!

Descrizione
Sauron ha lanciato il suo attacco: dinanzi alle Mura di Minas Tirith il fato della Terra di Mezzo verrà deciso. Le armate di Gondor potranno ben poco contro le orde di orchi venuta da Mordor. I Nove guidano l’attacco e travolgono i difensori con urla terrificanti. La città è allo sbando sotto la guida del sovrintendente. Solo la salda presenza di Gandalf ed Imrahil impedisce alla disperazione di invadere i cuori dei guerrieri della città bianca. Nonostante il grande sforzo, Gondor non potrà mai sconfiggere il suo nemico.

Quando ormai le difese cedono, al sorgere dell’alba, dei corni risuonano in lontananza sul Pelenno: è Rohan che ha risposto alla richiesta di soccorso!  Le lance splendenti brillano, gli zoccoli dei puri destrieri Rohirrim fanno tremare il terreno. Re Theoden in persona guida la carica. Proprio quando le forze di Mordor subiscono pesanti colpi e la sorte dello scontro sembrava cambiare, giungono gli Haradrim dal sud: portano i guerra i tanto temuti Mumak. I cavalieri non sanno come affrontare il nuovo nemico ma non per questo demordono e si lanciano in una carica eroica. Proprio quando Rohan subisce duri colpi arriva la flotta corsara: ma sorperesa! Dai vascelli non scendono i terribili pirati del sud ma Aragorn, l’erede di Isidur con un’armata di morti al suo servizio. Il terrore pervade le armate di Sauron, che tuttavia sono ben lontane dall’essere sconfitte…

Partecipanti

Bene (85 modelli)

La difesa di Gondor (800 punti)
-        Gandalf il Bianco su Ombromanto
-        Beregond di Gondor
-        Denethor, Sovrintendente di Gondor
-        Pipino, Guardia della Cittadella
-        6 Guardie della Cittadella con lancia
-        20 Guerrieri di Minas Tirith: 8 con lancia e scudo, 8 con arco, 4 con scudo
-        Trabocco Grido di Battaglia
-        Principe Imrahil di Dol Amroth
-        2 Cavalieri di Dol Amroth

La carica dei Rohirrim (797 punti)
-     Theoden, Re di Rohan con armatura pesante, scudo e cavallo bardato
-     Eomer, Maresciallo del Riddermark con scudo e cavallo
-     Eowyn, Scudiera di Rohan con giavellotti, armatura e cavallo
-     Gamling, Capitano di Rohan con Stendardo Reale di Rohan e cavallo
-     Meriadoc, Cavaliere del Mark con scudo
-     Guardia Reale di Rohan con stendardo e cavallo
-     23 Cavalieri di Rohan: 8 con giavellotti
-     Capitano di Rohan con scudo, arco e giavellotti

L’arrivo della Flotta Nera (800 punti)
-     Aragorn con Anduril, Fiamma dell’Ovest e mantello elfico
-     Gimli, figlio di Gloin con mantello elfico
-     Legolas con mantello elfico
-     Il Re dei Morti
-     16 Guerrieri dei Morti

Male (119 modelli)

La forza assediante (1899 punti)

-     Il Re degli Stregoni di Angmar con Flagello, Lama Morgul, Corona Morgul e Creatura Alata bardata
-     L’Immortale su Creatura Alata
-     Gothmog, Luogotenente di Morgul con scudo
-     Orco del Morannon Capitano con arma a due mani
-     24 Orchi del Morannon: 8 con scudo, 8 con lancia, 8 con scudo e lancia
-     Capitano Esterling con Alabarda Esterling
-     12 Esterling: 4 con arco, 4 con scudo, 4 con lancia e scudo
-     Orco Schiavista di Mordor
-     Orco Tamburino
-     Orco di Mordor Capitano con scudo
-     37 Orchi Guerrieri: 12 con scudo, 12 con lancia, 6 con arco degli orchi, 6 con arma a due mani, 1 con stendardo
-     4 Cavalcawarg: 2 con giavellotti, 2 con arco
-     Troll di Mordor Capo
-     Troll di Mordor con tamburo da guerra
-     Catapulta da Guerra di Mordor con Troll

Il contrattacco (500 punti)

-     Mumak di Harad
-     25 Guerrieri Haradrim: 12 con lancia, 12 con arco, 1 con stendardo
-     Capo degli Haradrim con arco e lancia

Disposizione

Lo scenario è giocato su un tavolo da 180 per 120 cm. Colloca le Mura di Minas Tirith in modo tale che i campi del Pelennor al di fuori siano almeno di 120 per 120. Dietro le mura posiziona alcune costruzioni Gondoriane: è rappresentato il primo dei sette livelli della città di Minas Tirith. Il resto del campo è sgombro rappresenta i Campi del Pelennor, una vasta distesa erbosa. Al massimo posiziona qualche collina. Il giocatore del male ha a sua disposizione 2 torri d’assedio ed un ariete.

 

Posizioni Iniziali

Il giocatore del Bene schiera La difesa di Gondor dovunque entro o sulle Mura. La carica dei Rohirrim e L’arrivo della Flotta Nera si renderanno disponibili nel corso della partita. A questo punto il giocatore del Male posiziona La forza assediatrice dove preferisce sui Campi del Pelennor, almeno a 18” dalle Mura. Il contrattacco arriverà più avanti nel gioco.

Obiettivi

Si sta combattendo la grande battaglia del nostro tempo, l’obiettivo è la Terra di Mezzo, è una battaglia all’ultimo sangue e all’ultimo uomo: non verrà concesso quartiere, né verrà chiesto. Per vincere si deve annientare lo schieramento avversario.

Regole Speciali

La carica dei Rohirrim. Arrivano i rinforzi da Rohan il decimo turno. Vengono posizionati prima della fase di movimento ovunque a contatto con il bordo settentrionale o meridionale (a discrezione del giocatore che usa Rohan). I modelli devono essere schierati ad almeno 12” dalle mura.

Il contrattacco. Le armate Haradrim vengono in soccorso di Mordor al dodicesimo turno, partendo prima della fase di movimento a contatto di basetta con il bordo orientale (nella metà campo opposta al lato dell’arrivo di Rohan).

L’arrivo della Flotta Nera. Aragorn ed i suoi compagni arrivano in soccorso dei loro amici, dopo essersi impossessati delle vele nere dei pirati. Giungono a contatto con il bordo orientale prima della fase di movimento del quattordicesimo turno. Nota che arrivano nella metà campo opposta a quella di arrivo dei Rohirrim.

Destino. Se il Re degli Stregoni uccide Theoden, ottiene un punto possanza gratis a turno e viceversa.

“Io non sono un uomo!”. Eowyn è destinata ad uccidere il Re degli Stregoni: quando tira per ferirlo (anche con armi da lancio) le basta un 4+ per fargli una ferita.

“Legolas”. Il principe elfico grazie alla sua agilità può salire sull’Olifante, portandosi a contatto di basetta con esso e scalandolo. Può tirare al Mumak (in questo caso le tre frecce vanno a segno in automatico), attaccare l’Howdah o gli Haradrim (che difendono l’Howdah). Non può combattere con l’Olifante, e quindi ferirlo in combattimento (può solo con l’arco).

La grande battaglia del nostro tempo. È uno scontro epico, fondamentale per entrambe le fazioni. Non si devono effettuare i test di coraggio quando il proprio schieramento è in Rotta.