Print
Category: House Rules
Hits: 462

Quest'oggi sono qui per presentarvi l'assurdamente fantastico lavoro svolto dal nostro utente Hurin/Gianluca, che con passione e dedizione ha realizzato qualcosa di realmente unico e interessante. Non voglio dilungarmi oltre, trovate tutto al seguente Link (QUI).

E ora, parola al nostro autore!

Grazie Jacopo. War of the Silmarils è un’espansione per il gioco Guerra dell’Anello della GW e rappresenta un doppio omaggio: a quel sistema di gioco ed al Silmarillion di J.R.R. Tolkien.

Guerra dell’Anello (War of the Ring, o WotR), per chi non lo conoscesse, è una variante spettacolare di SDA/SBG, caratterizzato da combattimenti di massa con le miniature organizzate in formazioni a blocchi regolari. Il sistema di gioco è ben congegnato ed aveva un grande potenziale; tuttavia, a causa della mole di miniature necessarie, risultava sostanzialmente più oneroso di SBG. Conseguentemente ha perso gradualmente di popolarità fino a che la GW non lo ha abbandonato, qualche anno fa.

Il Silmarillion invece rappresenta, paradossalmente (perché è assai meno conosciuto del Signore degli Anelli), il vero capolavoro di JRR Tolkien.

È un’opera epica immane, carica di eroismo, ideali, lingue fantastiche, filosofia. E di personaggi, di storie, avventure, magia, mostri e battaglie. L’autore ci ha lavorato praticamente per tutta la vita, ma sfortunatamente è rimasta incompiuta, proprio perché troppo immensa per venirne a capo. Si pensi che il Signore degli Anelli rappresenta il racconto di una sola delle sue innumerevoli storie; e che il Silmarillion pubblicato costituisce solamente una breve sintesi di tutto quanto è stato scritto.

Questa espansione è stata sviluppata allo scopo di poter giocare le battaglie del Silmarillion durante la Prima Era della Terra di Mezzo, dalla Fuga dei Noldor fino alla Guerra d’Ira. Utilizza le regole base di Guerra dell’Anello (pertanto, per giocarlo è necessario avere quel regolamento), non però le sue liste di eserciti, che sono state create ex novo.

Stendardi dell'Armata di Gondolin

In quattro anni di sviluppo sono stati compiuti un grande lavoro di ricerca tra i testi ed un buon livello di playtesting. Ma lo sforzo più forte, è stata la cura nel fondere e bilanciare insieme lo spirito della narrativa di Tolkien con le necessità della giocabilità e del divertimento.

Allo stesso tempo, ci si è sforzati di rimanere il più vicino possibile al sistema WotR originale, risolvendo solo problemi evidenti. Le regole di base sono in effetti quasi intatte (con poche eccezioni), mentre ciò che realmente caratterizza l’espansione sono solo le Regole speciali, le Azioni epiche e - ovviamente - le liste degli eserciti.

Queste ultime sono molto numerose e caratteristiche. I due schieramenti del bene e del male comprendono cinque liste di eserciti ciascuna, come nel gioco base ma con la differenza che ogni lista contiene a sua volta più di un Reame; ed è il Reame che assolve in pieno il ruolo della Fazione di WotR, il che può dare un’idea della vastità di scelta.

Per ogni reame sono state sviluppate le specifiche unità combattenti normali e leggendarie, i mostri e gli eroi principali. Non mancano i reami mostruosi, capaci di schierare in massa Draghi, Balrog, Aquile o Ent; ed i personaggi e mostri più possenti e famosi, come Fingolfin ed Húrin da una parte, oppure Ungoliant e Gothmog dall’altra, compresi alcuni più particolari, come Olórin (il Gandalf ante litteram) o Tevildo Principe dei Gatti.

 

Stemmi e pitture di guerra per i guerrieri di Angband

 

 

Individuare le miniature adatte per allestire un esercito del Silmarillion rappresenta allo stesso tempo un problema ed un punto di forza dell’espansione. Perché se il mercato non aiuta con produzioni dedicate, è anche vero che per ciò che riguarda la Terra di Mezzo, il Medioevo ed il Fantasy in generale, la scelta disponibile è talmente vasta che l’appassionato può facilmente trovare appagamento nell’adattare secondo la propria creatività e fantasia.

Ad ogni modo, per ogni eroe, mostro e tipo di truppa, sono stati suggeriti tanto dei modelli esistenti sul mercato, quanto spunti per la colorazione. Per ogni lista è stata anche preparata con grande cura una tavola di vessilli e di stemmi.

Un gruppo di dodici grandi battaglie del Silmarillion da schierare e giocare sul tavolo completano l’espansione. Spiccano tra queste lo scontro tra Glaurung ed Azaghâl alla Nirnaeth Arnoediad e l’estrema difesa di Gondolin nella Piazza del Re.

J: Grazie Gianluca, sono sicuro che molti potranno apprezzare il frutto dei tuoi sforzi! E a tutti voi, buona lettura e buon hobby!