Print
Category: Racconti e BG
Hits: 2084
L’ascesa di Isengard
Tutti sappiamo bene che Saruman mandò la maggior parte dei suoi battaglioni verso il Fosso di Helm e dopo la disfatta isengard fu violentemente distrutta, dopodiché arrivarono alcuni messaggeri da Mordor: alcuni dei terribili Nazgul. Ora possiamo ben immaginare cosa sarebbe successo se i messaggeri fossero arrivati qualche settimana prima …..
Il grande signore supremo di Isengard come ogni giorno guardò l’oggetto della sua corruzione: il Palantir. Tramite esso Sauron gli comunicò che presto sarebbero arrivati  i suoi rinforzi. Saruman disse che erano superflui e che sarebbe riuscito facilmente a sottomettere Rohan senza il suo aiuto, ma Sauron disse che era un ordine; era prima di tutto una mossa strategica: in questo modo poteva controllare molto più facilmente l’operato della sua pedina .
Sauron ordinò anche di ritardare l’attacco al Fosso di helm e di indebolire prima il regno di Theoden con piccole schermaglie inizialmente verso i villaggi limitrofi, poi edi inoltrarsi sempre di più nel regno di Rohan ma senza mai attaccare le grandi fortezze, come l’imprendibile Fosso di Helm e la capitale Edoras. Per questo scopo il mago creò Lurtz, Ugluk, Mauhur, e Sharku; il primo venne ucciso ad Amon Hen dall’Erede di Isildur , il secondo fu ucciso da Eomer e i suoi cavalieri. Fu un duro colpo per Isengard, ma i successi di Mauhur compensarono: egli distrusse molti villaggi e massacrò moltissimi soldati, fu quindi richiamato a Isengard e Saruman lo nominò Gran capo degli Uruk Hai, il suo potere era secondo solo a quello di Saruman,  Sharku invece ricevette l’ordine di tendere un imboscata al Signore di Rohan mentre andava verso il fosso di Helm. Li Sharuku trovò la sua morte ma riuscì quasi ad uccidere Aragorn e assieme ai suoi scagnozzi uccise non pochi soldati a guardia del re.
In queste occasioni si vide l’utilità dell’alleanza con gli scagnozzi del dunland, misero a ferro e fuoco numerosi villaggi, e combatterono con una ferocia mai vista prima.
Durante tutto ciò, arrivò a Isengard una grande legione di luridi orchi guidati però da un condottiero molto importante per Sauron: uno dei nove, Il Maresciallo Oscuro:
alt
Egli era un importante stratega che riusciva incredibilmente a tenere ordinati  e a spronare anche i soldati più paurosi. Per questo Saruman (con gran influenza da parte del Nazgul) decise che il battaglione più coriaceo sarebbe stato formato dal nuovo arrivato e dalla sua legione di orchi, dal supremo capo degli uruk hai Mauhur, e da due terribili capitani uruk hai, sono sempre utili dei comandanti minori duranti le battaglie …
Ma chi avrebbero comandato? I terribili berserkers:
alt
Solo la mente malata e perversa di Saruman avrebbe potuto creare degli abomini di questo tipo: nessuno riusciva a comandarli, per questo furono sottoposti al nazgul, ma neanche lui riusciva a comandarli: una volta lanciati in battaglia seminavano panico e distruzione tra i ranghi nemici. Nessun esercito usci indenne da uno scontro contro di loro, sono violenti in modo pauroso, adorano il sangue e al termine della battaglie li si vede grondanti di sangue in cerca di sopravvissuti, hanno spade alte quanto un uomo che chiunque farebbe fatica a maneggiare…. Chiunque tranne loro. Questo esercito non conosceva la sconfitta, non conosceva la paura.
Con l’arrivo del nuovo eroe iniziò l’assalto vero e proprio verso Rohan, in questo caso Theoden decise di opporre una grande resistenza ai guadi dell’Isen, strada obbligatoria da percorrere per gli Isengardiani, ma il re non sapeva quanto fosse cresciuta la potenza di Isengard nelle ultime settimane, egli inviò ai guadi il figlio Theodred con una scorta di guardie reali, un gran numero di arcieri ( in verità contadini con l’arco in mano) e numerosi cavalieri. Le truppe di Rohan si erano già appostate lungo il fiume quando la legione del Maresciallo arrivò.
Gli eserciti erano schierati, mancava solo un ordine per scatenare l’inferno. L’iniziativa andò al nazgul che ordinò saggiamente di inviare davanti tutti gli orchi  e poi i berserkers, così era sicuro che gli orchi non sarebbero mai fuggiti.
Gli orchi corsero con veemenza verso i soldati di Rohan, essi impugnarono gli archi e aspettavano l’ordine di Theodred per tirare, il nazgul osservava Theodred e, quando capì che stava per ordinare agli arceri di tirare, spronò il cavallo e assieme a Mauhur si diresse verso la battaglia lanciando un urlo che lacerò i timpani ai difensori.  Essi infatti si inginocchiarono e si tapparono le orecchie, quando l’urlo terminò  i difensori si accorsero che gli orchi erano ormai a poco più di 20 metri da loro, giusto il tempo di sfoderare la spada e, i pochi che ce li avevano, lanciare i giavellotti. Poi la mischia cominciò subito. Per ora i difensori combattevano solamente contro gli orchi, che sotto gli ordini del Nazgul davano comunque filo da torcere. Ad un ordine di Theodred tutti quelli di Rohan  ripiegarono dietro alcune rocce,da cui sbucarono diversi cavalieri che caricarono con violenza i malcapitati orchi che furono massacrati, ma ora arrivarono i berserker che con i loro spadoni alti quanto un uomo fecero una carneficina: infatti dopo l’impeto della carica iniziale i cavalieri erano molto vulnerabili e i berserker li distrussero.
Anche sotto gli ordini di Thodred tutti i difensori rimasti fuggirono inseguiti dai berserkers che avevano appena cominciato a divertirsi. Nella mischia perì pure Theodred, perdita molto pesante per il re.
Dopo questa incontestabile vittoria di Isengard una nuova potenza stava sorgendo, pronta a dominare la Terra di Mezzo…. O a restare una pedina nelle mani di Sauron?
Il fato di Isengard dovrà ancora essere deciso….