Print
Category: Battle reports
Hits: 2116

Battle report alle porte di Bosco Atro

 

alt


Era una tranquilla mattina di fine Febbraio e Dain decise di fare visita a Thranduil perché, ormai vecchio, cercava un posticino fresco nel bosco per vivere la sua vecchiaia. Il sire elfico decide allora di accompagnare i nani e il loro generale in giro per il bosco. Ma il perfido Saruman era in agguato al limitare di bosco atro e decide di far entrare in azione una sua banda di uruk. Affida l’importante missione di conquistare il palazzo di Thranduil a Ugluk e Vrasku. I due uruk, pur non capendo l’utilità di tale attacco, decidono comunque di obbedire all’ottuagenario. Intanto nel bosco gli stupidi nani si erano persi e Thranduil e i suoi elfi decisero di tornare per fatti loro a casa: i nani prima o poi avrebbero trovato la strada. Ma, non appena arrivato in prossimità del palazzo, ecco la brutta sorpresa: il palazzo è stato preso, perché quel genio di Thranduil non ha lasciato nessuno a controllarlo (ovvero perde il tiro di dado per la scelta del lato su cui schierare). Vrasku e i suoi si piazzano sulle mura del castello, mentre il resto delle forze uruk decidono di marciare per fare un massacro. Thranduil crede di essere spacciato, quando sente dal profondo del bosco un canto, dolce come il miele, delle voci che scorrevano nell’aria come bianco latte. La canzone faceva così: “Ahi ho! Ahi ho! Andiamo ad ammazzar! Ahi ho! Ahi ho! Gli uruk massacriam!” Tutto è pronto per la battaglia, gli eserciti sono schierati. Si comincia.

 



alt

alt

alt

alt

alt


Le due formazioni schierano il meglio delle proprie regioni. Gli elfi e i nani scendono in campo con 24 elfi silvani (8 con lancia, 8 con arco, 8 con pugnali elfici) e due sentinelle. La fascia di capitano va a Thranduil. I nani invece hanno portato dalle loro caverne 9 Khazad e 9 Guardie ferro, tra di loro c’è anche 1 misterioso nano con scudo. La fascia di capitano dei nani spetta a Dain. Gli Uruk schierano i due pupazzetti Ugluk e Vrasku, 7 balestre, 10 uruk con scudo, 9 con picca, uno sciamano, 8 orchetti con lancia. Completano lo schieramento 7 berserker e 2 capitani uruk con scudo e armatura pesante.

alt

alt


I primi turni sono tutti degli elfi che indietreggiano e neutralizzano i balestrieri: questi infatti non calcolano le mura e si fanno fregare miseramente. Ma non prima di vedere un paio di frecce passare la balaustra facendo stramazzare due balestrieri. Vrasku si sveglia e inizia una corsa verso il pian terreno. Il resto degli uruk marcia spedito, mentre gli elfi temporeggiano riorganizzandosi e tirando frecce, pugnali, lavandini e secchiate d’acqua, uccidendo un po’ con tutto.
Finalmente parte il mischione a centrocampo. Dain però viene tenuto lontano per un po’ da quattro impavidi uruk con scudo. Il turno successivo ce ne sarà solo uno ancora in piedi. I berserker capiscono che devono darsi da fare e ammazzano un po’ di khazad, stessa cosa fanno i capitani che riescono a far valere la loro maestria e abbattono un po’ di nani. I nani non si fanno valere e per un po’ giochicchiano con gli uruk.

alt


Sulla fascia Ugluk tenta di sfondare, ma incontra un muro che si chiama sfiga: in millemila turni non vince un solo combattimento, finisce la possanza quasi a vuoto e a fine partita scapperà fallendo il test di coraggio.
Intanto prosegue il lancio di oggetti contundenti da parte degli elfi, che fanno morti solo così: ogni volta che vincono un combattimento non ammazzano neanche a pagarli. Intanto Dain sopraggiunge minaccioso e cerca di prendere alle spalle lo sciamano, che però si difende: vice il combattimento e lo ferisce! Poi Dain si ricorda di avere il fato e continua a combattere come se niente fosse, gettando lo sciamano nel panico.

alt

alt


Vrasku & co. stanno ancora scendendo dalle scale. Gli elfi intanto aggirano lo schieramento. O meglio quello che ne rimane, perché le guardie di ferro si incavolano come non mai e ammazzano un po’ di tutto. Gli elfi perseverano nel lancio di lavandini.
Ormai la partita è agli sgoccioli e gli uruk vanno in rotta, mentre gli elfi stanno ancora tirando scarpe e quant’altro. Thranduil vedendo che la situazione gli era favorevole (in tutta la partita aveva ucciso qualche bestiaccia con l’arco) scende in combattimento, fa un paio di morti e torna in seconda fila. Dain finalmente spalma lo sciamano sul terreno e le guardie di ferro ammazzano gli ultimi uruk in zona.

alt


Improvvisamente dalle finestre del castello si vedono spuntare delle balestre! Vrasku carica i suoi a massacrare gli insulsi elfi! Thranduil riorganizza le fila e ammazza gli unici balestrieri a portata di tiro. I berserker stanchi di essere gli unici a farsi il mazzo (avevano ucciso anche una sentinella e un po’ di silvani), si arrendono alle guardie e cadono per ultimi. I capitani invece difendono l’onore della squadra e rimangono praticamente soli in campo. Da notare il gesto archilocheo di un capitano che abbandona lo scudo e decide di darsi alla poesia (questa è per pochi eletti, ma se la capite, vi farà morire dal ridere).
Risultato finale della partita: gli uruk scendono sotto il 25%, mentre tra le fila del bene si contano una dozzina di morti.

alt

alt


Il re Thranduil ritorna nel suo palazzo. Dain decide che Bosco Atro è troppo movimentato per i suoi gusti e si cercherà una casetta dalle parti di Moria. Ugluk scappa dal suo tutore Saruman, il quale, capita l’antifona, abbandona il proposito di attaccare Bosco Atro e decide di massacrare quei vichinghi dei Rohirrim.
E adesso il quesito fondamentale che rivolgiamo a tutti voi: tra pinovipera e voronwe, chi controllava gli Uruk e chi controllava i Nanelfi?